Decalogo Ittico - PUGLIA FOOD srl

puglia food srl
dalla Terra e dal Mare

I prodotti surgelati rappresentano una reale garanzia di freschezzapassano infatti solo poche ore dal momento in cui il prodotto viene raccolto, a quello in cui viene surgelato.Le proprietà nutritive come vitamine, sali minerali e fibre non si disperdono.Per questo si dice che il surgelato è ...“più fresco del fresco”.

collegamento al menù puglia food
Vai ai contenuti
.















Decalogo dei prodotti
Ittici Congelati
Tecniche Produttive

Surgelazione
e congelazione
La Surgelazione è un procedimento che avviene a livello industriale, perché comporta un raggiungimento di temperature tali per cui sono necessari macchinari appositi, avviene in tempi rapidissimi, ed avviene attraverso l'utilizzo di temperature che oscillano tra i -80° ed i -18°, ed è regolata da una legge (Decreto Legislativo n.110 del 27 gennaio 1992), poiché riguarda prodotti industriali destinati alla somministrazione.
La surgelazione vera e propria consiste nel portare l'alimento, in genere grazie all'esposizione ad aria a -30°, a una temperatura inferiore ai 18 gradi sotto lo zero, in tempi rapidissimi, anche in pochi minuti. La velocità del processo è fondamentale per evitare che il prodotto venga alterato dall'azione di microorganismi potenzialmente nocivi. I microorganismi vengono bloccati dalla trasformazione dell'acqua in piccoli cristalli di ghiaccio. Da questo momento l'alimento viene conservato a una temperatura che non supera mai i -18 gradi.
La Congelazione invece è un procedimento riproducibile con qualsiasi tipo di freezer o cella frigorifera "negativa", ed avviene con tempi più lunghi, ed è ad esempio adottata per i prodotti semilavorati, come pastellati o panati.

La differenza sostanziale fra i due processi riguarda la formazione dei cristalli di ghiaccio. Nel caso della surgelazione, avviene in tempi così rapidi e a temperature così basse che i cristalli di ghiaccio che si formano sono di piccolissime dimensioni. Nel caso della congelazione, invece, i cristalli sono più grandi, generando la rottura delle strutture cellulari, generando una maggiore perdita di caratteristiche organolettiche, al momento dello scongelamento.
.














I.Q.F.: L'acronimo I.Q.F. sta per Individual-Quick-Freezing, cioè Surgelazione Rapida e Individuale. Con questa tecnologia il freddo penetra rapidamente, in quanto colpisce i prodotto singolarmente. Alla fine del processo si ottengono porzioni non appiccicate le une alle altre, permettendo di prelevare con facilità dalla confezione il numero necessario di pezzi ottimizzando l'utilizzo e la riduzione di sprechi.
I.Q.F.
Lastra
Glassatura
Blocchi: Il surgelamento a blocchi/lastre, è una tecnica che viene adottata specialmente per i prodotti, che per necessità logistiche o qualitive, vengono surgelati a bordo delle navi al momento della pesca. Di norma si utilizza per molluschi e filetti di pesce di grandi dimensioni.
Il prodotto, dopo aver subito la lavorazione necessaria, viene introdotto in apposite "forme" piene d'acqua, per poi essere passata nei tunnel di congelamento. Questa tecnica sicuramente offre un prodotto di alta qualità, a scapito dei costi e della facilità di utilizzo.
Glassatura: Prima del congelamento, il prodotto viene immerso od asperso d'acqua, in modo da creare, con il successivo congelamento, uno strato di ghiaccio che funga da barriera protettiva a fenomeni quali disidratazione o imbrunimento, oltre che contaminazioni varie. La stessa tecnica può essere adottata anche impiegando l'azoto liquido in sostituzione all'acqua, con evidenti vantaggi in termini di velocità e qualità della glassatura stessa.
.













Le sigle dei paesi
di provenienza
del pescato.

AR: Argentina, AU: Australia, BD: Bangladesh, CA: Canada, CL: Cile, CN: Cina, CO: Colombia; CU: Cuba, DK: Danimarca, EC: Ecuador, EG: Egitto, ES: Spagna, FR: Francia, GB: Regno Unito, GR: Grecia, GY: Guyana, IE: Irlanda, IN: India, IR: Iran, IS: Islanda, IT: Italia, JP: Giappone, KE: Kenia, Ma: Marocco, Mg: Madacascar, Mr: Mauritania, MT: Malta, Mx: Messico, MY: Malaysia, MZ: Mozambico, NA:: Namibia, NL: Olanda, NO: Norvegia, NZ: Nuova Zelanda, OM: Oman, PE: Perù, PK: Pakistan, SIC: Sicilia, SN: Senegal, SO: Somalia, TH: Tailandia, TN: Tunisia, TR: Turchia, TZ: Tanzania, US: Stati Uniti, VE: Venezuela, VN: Vietnam, YE: Yemen, ZA: Sud Africa, ZW: Zimbabwe.
.










Unità di Misura
e Pezzatura
Calamari

U/3: utilizzato per calamari puliti e sporchi.
Pezzi 3 per kg.
U/5: utilizzato per calamari puliti.
Pezzi 5 per kg.
U/10: utilizzato per calamari puliti.
Pezzi 10 per kg.

10/20: utilizzato per calamari puliti.
Pezzi da 10 a 20 per kg.
60UP: utilizzato per calamari puliti.
Pezzi 60 circa per kg.
100/300: utilizzato per calamari puliti e sporchi.
Pezzi dal peso dai 100 ai 300 grammi.
300/500: utilizzato per calamari puliti e sporchi.
Pezzi dal peso dai 300 ai 500 grammi.
13/18 cm: utilizzato per calamari sporchi.
Pezzi dalle dimensioni dai 13 ai 18 cm.
18/22 cm: utilizzato per calamari sporchi.
Pezzi dalle dimensioni dai 18 ai 22 cm.
C1: utilizzato per calamari sporchi.
Pezzi dalle dimensioni dai 20 ai 25 cm.
C2: utilizzato per calamari sporchi.
Pezzi dalle dimensioni dai 18 ai 22 cm.
C3: utilizzato per calamari sporchi.
Pezzi dalle dimensioni dai 15 ai 20 cm.
C4: utilizzato per calamari sporchi.
Pezzi dalle dimensioni dai 13 ai 15 cm.
C5: utilizzato per calamari sporchi.
Pezzi dalle dimensioni dagli 8 ai 13 cm.
1P: utilizzato per calamari sporchi. Pezzi dal peso dai 300 ai 500 grammi.
2P: utilizzato per calamari sporchi. Pezzi dal peso dai 150 ai 250 grammi.
3P: utilizzato per calamari sporchi. Pezzi dal peso dai 100 ai 150 grammi.
S: utilizzato per calamari sporchi. Pezzi dal peso dai 100 ai 200 grammi.
M: utilizzato per calamari sporchi. Pezzi dal peso dai 300 ai 400 grammi.
L: utilizzato per calamari sporchi. Pezzi dal peso dai 400 ai 600 grammi.
XL: utilizzato per calamari sporchi. Pezzi dal peso dai 600 grammi in sù.
.













Unità di Misura
e Pezzatura
Seppie

100/200: utilizzato per seppie sporche.
Pezzi dal peso dai 100 ai 200 grammi.
300/500: utilizzato per seppie sporche.
Pezzi dal peso dai 300 ai 500 grammi.
1000/2000: utilizzato per seppie sporche e pulite.
Pezzi dal peso da 1 a 2 kg.
10/20: utilizzato per seppie pulite e sporche.
Pezzi da 10 a 20 per kg.
60UP: utilizzato per seppie pulite.
Pezzi 60 circa per kg.
P: utilizzato per seppie pulite e sporche. Pezzi da 4 a 6 per kg.
M: utilizzato per seppie pulite e sporche. Pezzi da 2 a 4 per kg.
G: utilizzato per seppie pulite e sporche. Pezzi da 1 a 2 per kg.
GG: utilizzato per seppie pulite e sporche. Pezzi 1 per kg.
.













T2: utilizzato per polpo verace. Pezzi dal peso dai 3 ai 4 kg.
T3: utilizzato per polpo verace. Pezzi dal peso dai 2 ai 3 kg.
T4: utilizzato per polpo verace. Pezzi dal peso dai 1,5 ai 2 kg.
T5: utilizzato per polpo verace. Pezzi dal peso dai 1,2 ai 1,5 kg.
T6: utilizzato per polpo verace. Pezzi dal peso dagli 800 ai 1200 grammi.
T7: utilizzato per polpo verace. Pezzi dal peso dai 500 agli 800 grammi.
T8: utilizzato per polpo verace. Pezzi dal peso dai 300/500 grammi
T9: utilizzato per polpo verace. Pezzi dal peso dai 200/300 grammi

300/500 vassoio: polpo confezionato in vaschetta. Pezzi dal peso dai 300 ai 500 grammi.

500/800 vassoio: polpo confezionato in vaschetta. Pezzi dal peso dai 500 ai 800 grammi.

10/20: Numero pezzi da 10 a 20 per kg.
20/40: Numero pezzi da 20 a 40 per kg.
40/60: Numero pezzi da 40 a 60 per kg.

Unità di Misura
e Pezzatura
Polpi

.











N°2: sogliole e/o platesse intere dal peso dai 450 ai 500 grammi.
N°3: sogliole e/o platesse intere dal peso dai 250 ai 350 grammi.
N°4: sogliole e/o platesse intere dal peso dai 220 ai 250 grammi.
N°5: sogliole e/o platesse intere dal peso dai 150 ai 350 grammi.

Unità di Misura
e Pezzatura
SOGLIOLA E PLATESSA

.











Unità di Misura
e Pezzatura

GAMBERO
E MAZZANCOLLA

I: utilizzato per i gamberi Sicilia.
Numero 10/20 pezzi per kg.
II: utilizzato per i gamberi Sicilia.
Numero 20/30 pezzi per kg.
III: utilizzato per i gamberi Sicilia.
Numero 30/40 pezzi per kg.

00: utilizzato per mazzancolla Tunisia.
Numero 10/15 pezzi per kg.
AA: utilizzato per mazzancolla Tunisia.
Numero 16/20 pezzi per kg.
A: utilizzato per mazzancolla Tunisia.
Numero 21/30 pezzi per kg.
BB: utilizzato per mazzancolla Tunisia.
Numero 31/40 pezzi per kg.
B: utilizzato per mazzancolla Tunisia.
umero 41/60 pezzi per kg.
C: utilizzato per mazzancolla Tunisia.
Numero 61/80 pezzi per kg.
U/10: utilizzato per mazzancolla.
Numero 10 pezzi per kg.
L1: utilizzato per i gamberi Argentini.
Numero 10/20 pezzi per kg.
L2: utilizzato per i gamberi Argentini.
Numero 20/30 pezzi per kg.
L3: utilizzato per i gamberi Argentini.
Numero 30/40 pezzi per kg.
L4: utilizzato per i gamberi Argentini.
Numero 40/60 pezzi per kg.
L5: utilizzato per i gamberi Argentini.
Numero 60/80 pezzi per kg.

90/120: utilizzato per gamberi da frittura.
Numero 90/120 pezzi per kg.
120/170: utilizzato per gamberi da frittura.
Numero 120/170 pezzi per kg.
.











Unità di Misura
e Pezzatura
SCAMPO

N.1: numero 4/7 pezzi per kg.  N.2: numero 8/12 pezzi per kg. N.3: numero 13/16 pezzi per kg.
N.4: numero 17/20 pezzi per kg.  N.5: numero 21/30 pezzi per kg.  N.6: numero 31/40 pezzi per kg.
N.7: numero 41/50 pezzi per kg.

.











Se è vero che un cibo non cotto mantiene intatte buona parte delle proprie caratteristiche nutrizionali, è tuttavia altrettanto vero che non vengono eliminati quei pericoli biologici, correlati all’alimento stesso ed al suo habitat, che possono incidere anche pesantemente sulla salute del consumatore. Venendo a mancare la cottura i prodotti ittici vengono privati di quel trattamento di “bonifica” che consente di eliminare sia quei pericoli insiti nel prodotto all’origine che quelli acquisiti durante le successive manipolazioni operate dall’uomo. Virus e batteri presenti nei prodotti ittici possono provocare semplici “mal di pancia” o gravi malattie come ad esempio l’epatite A. Esistono inoltre molti altri microrganismi virali e batterici capaci di provocare sintomatologia prevalentemente intestinale. Per rendere il prodotto maggiormente sicuro vige l’obbligo di sottoporre a congelamento il pesce che è destinato ad essere somministrato crudo o praticamente crudo (es. marinato).
La pratica del congelamento è stata definita dal Ministero della Salute “Trattamento di bonifica preventiva” e deve essere effettuata mantenendo il prodotto alla temperatura di – 20° per almeno 24 ore. Va tuttavia precisato che tale trattamento è efficace nei confronti di alcuni parassiti come l’Anisakis ma inefficace nei confronti di altri parassiti, per esempio l’Opistorchis, (parassita dei pesci di acqua dolce) per il quale il congelamento va protratto per non meno di 7 giorni a -20°C. Tutti i prodotti ittici vanno congelati prima del consumo crudo o praticamente crudo ad eccezione dei molluschi bivalvi, echinodermi, tunicati e gasteropodi marini vivi. Ricordiamo inoltre che raramente il congelatore di casa raggiunge i -20°.
Torna ai contenuti